pronti per una Nuova Stagione

L’inizio dei campionati si avvicina e il rugby Alpago è nel pieno delle attività di preparazione per il nuovo anno sportivo. La prima squadra, allenata dal confermato Alessio Dal Pont, ha trascorso due giorni in ritiro ospitati dallo Jesolo rugby il quale ha messo a diposizione le proprie strutture dopo la buona esperienza dell’anno scorso. Una due giorni di allenamenti a cui si è aggiunta anche l’under 18 allenata quest’anno da Tiziano Roffarè. Terminata la carriera da giocatore, per raggiunto limite di età, ha scelto quest’anno di affrontare una nuova sfida con l’under 18 della società giallo verde dopo aver fatto esperienza per anni nelle under minori. Un gruppo di oltre 40 giocatori con tutto lo staff al completo per analizzare e finalizzare gli oltre 2 mesi di preparazione. Un modo per tutto lo staff di fare il punto sulla situazione fisica e tecnica della squadra in vista dell’imminente inizio del campionato. Il sabato mattina è stato dedicato ad una serie di esercizi atletici mentre nel pomeriggio nel ritiro dei giallo verdi è arrivato Corrado Pilat che ha potuto seguire tutti i ragazzi dispensando utili consigli e affiancando gli allenatori in una rifinitura tecnica. Domenica invece grazie anche ai numeri che hanno contraddistinto questo ritiro, Dal Pont ha potuto provare in un’amichevole contro l’under 18 tutti i meccanismi di gioco utili ad arrivare preparati alla prima di campionato. Una due giorni senz’altro positiva dove si è potuto notare il frutto di una preparazione atletica iniziata ad Agosto e seguita in modo meticoloso da tutto lo staff Tecnico dei giallo verdi. Per quanto riguarda il gioco, l’Alpago riprenderà il campionato dopo l’ottimo gioco espresso nel pull salvezza e sarà li che potremmo vedere i miglioramenti dei ragazzi di Dal Pont. Mercoledì sono tornati in campo anche i ragazzi e i bambini del minirugby. Dopo la pausa estiva ricomincia con entusiasmo un nuovo anno anche per i più piccoli della società del rugby Alpago che ha sempre creduto e puntato molto su i rugbysti più giovani. Ogni mercoledi e venerdi dalle 18.00 presso i campi di Puos D’Alpago potete trovare tutto la passione e il divertimento che la palla ovale sa esprimere.

MATCH day 26 Aprile

In occasione dell’ultima partita in casa della prima Squadra la partita contro il Pordenone sarà spostata eccezionalmente a Sabato 26 Aprile.

L’Alpago dopo la prova convincente ed esaltante contro l’alto Vicentino, affronterà la capolista Pordenone per l’ultima partita tra le mura amiche. Una partita sulla carta molto difficile per i ragazzi di Dal Pont che però sperano di poter finire il campionato con ancora una vittoria. Le ultime partite hanno dimostrato una costante crescita e una maturità di gioco che fanno ben sperare per una partita divertente e combattuta.  Per salutare la stagione casalinga il match verrà giocato alle ore 18.30. Ad aprire la però la giornata rugbystica saranno i Ragazzi dell’under 16 di Roffarè e Sitran che sfideranno i pari età del Venezia-Mestre. Due partite da vivere con passione e divertimento fino alla fine perchè la serata continuerà con musica e festa alla club house.

un pomeriggio di rugby da vivere immersi nei colori giallo verdi pronti a rivederci il prossimo anno.

 

26aprile

Alpago vs Altovicentino

Dopo la prova positiva di Domenica contro il Montebelluna, la prima squadra torna a giocare in casa sfidando l’Alto Vicentino. Domenica alle 15.30 al campo di Puos d’Alpago i ragazzi di Dal Pont dovranno dimostrare di saper mantenere alta la concentrazione in tutte le occasioni e provare ad esprimere un gioco positivo per tutti gli 80 minuti. Troppe volte nelle ultime prestazioni il 15 giallo verde ha infatti dimostrato un andamento altalenante durante la partita, ottime giocate e movimento di palla fluido interrotto da amnesie difensive e poca chiarezza mentale nelle giocate. Una difficoltà più che altro dovuta ad un calo di concentrazione ed una superficiale padronanza della partita che come contro il Villorba poteva costare caro. Domenica quindi ci si aspetta una prestazione ad alto livello per tutta la durata della partita sperando di vedere anche un gioco fluido e spettacolare che solo per pochi sprazzi è stato espresso. Da Domenica inoltre l’allenatore Alessio Dal Pont potrà innestare tra la prima squadra qualche giovane dell’under 18 che finito il campionato potranno dare il loro apporto ai loro compagni più grandi.

 

appuntamento quindi contro l’Alto Vicentino domenica alle 15.30

E’ TEMPO DI DERBY

Domenica 2 Marzo 

ore 14.30 campi della comunità montana dell’Alpago

RUGBY ALPGO vs FELTRE

Dopo la vittoria ottenuta in casa contro il Conegliano, dell’ex Cesco Dotto,

la prima squadra dell’Alpago cerca soddisfazione nell’attesissimo derby contro il Feltre.

I ragazzi di Alessio Dal Pont, dopo la pausa dovuta alla partita del 6 nazioni, sono pronti ad affrontare la partita a viso aperto. Il derby si sa è una partita diversa dalle altre dove i pronostici sono difficile da fare ma la speranza è quella di ottenere un risultato positivo dopo tanti anni in cui il derby con il Feltre non è mai riuscito a regalare una gioia ai colori giallo verdi. Se l’Alpago sarà in grado di riproporre il gioco espresso nel secondo tempo con il Conegliano, in cui la squadra ha giocato con ordine e pulizia e le idee chiare, imponendo il proprio gioco l’impresa non sembra così impossibile.

appuntamento quindi Domenica alle 14.30 per il derby con il Feltre.

L’Alpago vittorioso anche contro il Montebelluna

Dopo la vittoria di Domenica scorsa contro il Villorba, l’Alpago si ripete battendo in casa il Montebelluna con il risultato di 22 a 6. Una prova non facile per i ragazzi di Dal Pont che erano chiamati ad una difficile conferma della crescita iniziata la settimana scorsa.

Una partita mai in discussione quella contro il Montebelluna, in cui a dettare il gioco è stato l’Alpago. La squadra della conca è entrata sul terreno di gioco con la giusta convinzione portando al sicuro già nei primi 20 minuti il risultato con un gioco finalmente coeso ed organizzato. La mischia, per merito anche dei giovani avversari, ha dominato il gioco offrendo ottimi palloni alla mediana che ha potuto giocare con tranquillità e velocità l’ovale portando Omar Saviane ed Erik Favero a segnare le prime 2 mete. Dopo aver segnato i primi punti l’Alpago ha perso leggermente lucidità, calo dovuto principalmente ad un eccessivo zelo e ricerca di iniziative singole e non della coralità del gruppo. Nel secondo tempo grazie anche ad alcuni cambi l’Alpago è tornato in campo dimostrando al folto pubblico presente tutte le proprie capacità e con ottime giocate, frutto di meccanismi provati in allenamento, ha raggiunto il bonus aggiungendo in classifica altri 5 importantissimi punti.

Domenica prossima la prima squadra affronterà l’alto Vicentino, squadra temibile in casa e di sicuro rinvigorita dall’ottimo risultato raggiunto questa domenica contro il Feltre battuto per 27 a 24.

alpago conegliano (29)

Villorba vs Alpago 5 a 22

rugby alpago

Finalmente dopo 4 sconfitte la prima squadra dell’Alpago torna a sorridere.

Sul campo del Villorba, l’Alpago si impone 22 a 5 guadagnando i primi 4 punti in classifica. I ragazzi di Dal Pont tornano sicuramente dalla trasferta con il morale più alto dopo le difficili partite di inizio campionato. Una trasferta solo sulla carta facile, dove l’Alpago ha faticato più del previsto per sconfiggere i padroni di casa. Su un campo reso pesante dalle piogge il gioco espresso non è stato il migliore ma quello che conta nella domenica appena passata è il punteggio che fa smuovere la magra classifica della prima squadra. Una partita combattuta sopratutto sul lato fisico con le mischie che per lungo tempo hanno cercato di imporsi. Ed è grazie ad alla spinta del pack che l’Alpago è riuscito a segnare le tre mete che hanno sancito la vittoria. A schiacciare la palla in meta a turno sono stati Omar Saviane, Max Saviane e Gioel Trame. Ad arrotondare il punteggio poi sono arrivati i preziosi punti del giovane Erik Favero, giocatore giovane ma che fan ben sperare per il futuro data la splendida prestazione di ieri. Da segnalare l’infortunio di Tiziano Roffarè, il non più giovane che in campo è sempre un leader e punto di riferimento per tutti e che di sicuro farà sentire la sua mancanza nelle prossime partite.

L’Alpago torna a sorridere quindi, ma per essere realmente felice manca ancora qualcosa. La vittoria di ieri è fondamentale per il prosieguo del campionato ma il gioco espresso sul campo di Villorba ha lasciato a molti l’amaro in bocca. Troppi sono ancori gli errori personali e la difficoltà di creare per lunghi tratti un gioco ordinato ed efficace. La speranza è che la vittoria di ieri sia il trampolino di lancio per una squadra che ha tutti i mezzi per far bene ma paga ancora un’insicurezza che la frena nei risultati.

RUGBY ALPAGO vs THE MONSTERs

Sono finiti i tempi delle prove e delle amichevoli, da domani è ora di fare sul serio. Dopo un lungo periodo di allenamenti e amichevoli è venuto il tempo di provare la vera forza di quest’Alpago. Domenica 5 ottobre inizia il campionato di serie C e l’Alpago esordirà in casa con il non facile The Monsters.

I Ragazzi di Dal Pont arrivano alla prima di campionato in gran forma. L’allenatore può contare su una rosa al completo composta da interessanti giovani che per la prima volta affrontano il campionato cadetto e un giusto mix di giocatori con una maggiore esperienza. La prima giornata servirà a tutti per capire le reali forze di questa squadra e capire quale sarà il ruolo dell’Alpago in questa stagione di serie C.

Nelle parole del DS Sitran si può cogliere tutto l’entusiasmo del gruppo e la volontà di iniziare il campionato con il piede giusto. ” i ragazzi si sono preparati bene in questi mesi di preparazione. Da subito hanno capito e seguito il nuovo allenatore, si è creato un gruppo coeso che si è impegnato ad imparare i nuovi meccanismi. Nelle partite amichevoli pre campionato abbiamo avuto risposte positive per quanto riguarda l’inserimento dei più giovani all’interno del gruppo della prima squadra, per quanto riguarda il gioco ci sono ancora delle difficoltà di trasmissione della palla ma sono sicuro che in breve tempo questi problemi verranno limati. Abbiamo molta fiducia in questi ragazzi che di sicuro hanno un gran potenziale. Sono molto felice che l’esordio sia con il The Monster, una squadra forte e difficile è il giusto modo per iniziare e mettersi alla prova. Quest’anno sarà un campionato molto impegnativo e ogni partita sarà una grande sfida per noi. Molti addetti ai lavori sostengono che quest’anno l’Alpago sarà rilegato nella bassa classifica. Non so quale sia la verità ma sono sicuro che questi ragazzi si prenderanno grandi soddisfazioni e metteranno in campo tutto il loro impegno ogni domenica. Sono sicuro che qui in Alpago sarà dura per tutti vincere e le vedremo già domani.”

Non ci resta che scoprire domani come sarà l’esordio della prima squadra del Rugby Alpago. Appuntamento alle 14.30 presso il campo della comunità montana di Puos d’Alpago

 

rugby alpago

Ritiro Prima Squadra

Continuano gli allenamenti in preparazione della prossima stagione del Rugby Alpago. Sotto la guida del neo allenatore Alessio Dal Pont i ragazzi della prima squadra e l’under 18 stanno svolgendo la preparazione atletica per cominciare il nuovo campionato e affrontare i primi impegni con la giusta convinzione e forma fisica. Le tre sessioni di allenamento settimanali inoltre permettono al neo allenatore di conoscere le potenzialità di tutti i giocatori ed iniziare a creare gli schemi di gioco che verranno utilizzati durante la prossima stagione. Per meglio amalgamare la squadra e il gruppo inoltre è stato organizzato un mini ritiro per le giornate di venerdi 30 e sabato 31 presso i campi sportivi di Sant’Anna in comune di Tambre. Venerdi sessione di allenamento serale e poi Sabato gionarta interamente dedicata alla preparazione atletica e tecniche di gioco.

Gli allenamenti continueranno successivamente nel mese di Settembre per poter arrivare con la giusta preparazione al primo appuntamento stagionale per la prima squadra fissato per Domenica 15 settembre ore 17,30  a Tarvisium  nell’ambito delle 9 serate di rugby organizzate dalla società trevigiana nel quale il Rugby Alpago affronterà il Rugby Silea.

il Neo allenatore del Rugby Alpago Alessio Dal Pont

L’episodio ad inizio di Alpago – Silea genera la protesta ufficiale del presidente Sitran

Pubblichiamo la dichiarazione del presidente Filippo Sitran in merito a quanto accaduto all’inizio del match di domenica Alpago – Silea. Detto che nessuno vuole togliere merito o prendersela con i giocatori del Silea, che evidentemente inconsapevoli hanno fatto il loro dovere di giocare, la gestione dell’episodio ci è apparsa quanto meno discutibile.
Teniamo a specificare che non è per il risultato, perchè comunque abbiamo avuto altri 78 minuti per recuperare, quanto per l’atteggiamento tenuto dal direttore di gara, e non ultima per la credibilità delle direttive federali e di chi deve farle eseguire, che è stata inoltrata alle sedi di competenza la protesta ufficiale.
_____________________________

Domenica si è assistito ad un episodio a dir poco imbarazzante.

L’arbitro, dopo aver chiesto il minuto di silenzio come da disposizioni della Federazione, se ne è dimenticato, lasciando proseguire l’azione del Silea (evidentemente non avvertito della cosa) dalla quale a breve è originata la meta, risultata alla fine decisiva per il risultato.

Quello che è più grave non è tanto la dimenticanza in se’, quanto l’atteggiamento del direttore di gara che, una volta resosi conto dell’errore non ha usato il buon senso facendo ripartire l’incontro, ma si è giustificato dicendo di non aver ribadito l’intenzione del minuto di silenzio nel briefing con i capitani.
Inoltre, a seguito della richiesta nel dopo gara di mettere a verbale la protesta ufficiale dei dirigenti, ha temporeggiato, facendo poi scrivere sul verbale di aver ricevuto lo scritto ben tre minuti oltre il tempo previsto.
Dell’accaduto sono stati opportunamente informati il Presidente del Civ Bortolato e il presidente della commissione arbitrale Voltan.
Ci chiediamo come un tale atteggiamento possa essere tollerato.
Il nascondersi dietro cavilli burocratici invece di usare il metro dell’equità e del buon senso come può garantire il rispetto nei confronti di un direttore di gara su decisioni molto più controverse da prendere?

Filippo Sitran, presidente del Rugby Alpago ASD

Alpago – Silea 16-22

Una buona prova, la nostra,  forse la partita migliore. Riusciamo a mettere in seria difficoltà la capolista Silea ma paghiamo cari alcuni grossolani errori del primo tempo.

A guardare la classifica ci viene da pensare: tutti i (pochi) punti fatti finora sono stati fatti contro le prime tre: vittoria col Pordenone, pareggio col Belluno, sconfitta di misura col Silea. E anche col Feltre, quarto, probabilmente avremmo meritato almeno il bonus difensivo. Quindi non si può che rammaricarsi per le occasioni sprecate con l’Oderzo e con i Monsters, perchè se si fosse giocato come ieri..

Al via si rasenta la comica: mentre i nostri si aspettano il minuto di raccoglimento in memoria di Miriam Di Carlo, il Silea calcia il drop d’inizio e sale, con l’arbitro che evidentemente si è dimenticato sia di avvertire loro e sia di far rispettare la disposizione federale. E si che c’era tanto di comunicato ufficiale… In qualche modo comunque ci salviamo in touche. Loro però passano poco dopo, al 3′, quando il mediano Lauro batte una punizione veloce (sugli sviluppi della touche) nei 22 e l’apertura Marangon approfitta dello smarrimento generale per bucarci e segnare.

Reagiamo, riusciamo a chiudere il Silea nei propri 22 per quasi dieci minuti. E che la pressione la soffrano si intuisce da come si liberino del pallone senza tanti fronzoli appena ne hanno la possibilità, senza tuttavia guadagnare campo. Tutto ciò va a produrre un piazzato che Marco Reveane, il nostro pilone che ormai è un mezzo kicker, trasforma.

La nostra pressione continua ma il Silea si difende molto bene. I nostri ospiti riescono a risalire il campo, e prendiamo un’altra meta frutto di un errore alquanto grossolano: passaggio facile facile che cade in avanti nei nostri 22, e sulla conseguente mischia la giocata trevigiana porta in meta l’ala Ferro. Siamo al 24′, e tre minuti più tardi ecco un altro patatrac: è ancora l’apertura Marangon a segnare pesante, sfruttando un’indecisione della chiusura difensiva tra il raggruppamento e l’apertura, violando facile la nostra area di meta.

Tre errori, tre mete e 19-3. Che botta! Ed è un vero peccato perchè quando poi riusciamo a spingere con convinzione, ad esprimere un gioco corale e continuo, per loro sono guai. A forza di spingere finalmente troviamo anche noi la meta, frutto di un’azione multifase nei 22 del Silea, prolungata finchè Alessandro Zampieri riesce a liberare al largo Tiziano Cerpelloni a sfruttare la sua caratteristica principale, la rapidità, per la segnatura che con la trasformazione di Reveane vale il 10-19 che chiude il primo tempo.

A questo punto ci crediamo, e troviamo subito altri tre punti con Reveane. Si vede anche il Silea dalle nostre parti, ma riusciamo a respingere un paio di buoni tentativi, con qualche affanno ma efficacemente. La fase successiva, diciamo gli ultimi 25 minuti di gioco, si può riassumere così: noi spingiamo, esprimendo anche un gioco discreto, loro si difendono in maniera ordinata ed efficace.

Forse la stanchezza, si inizia anche a sbagliare qualcosa di troppo da entrambe le parti. Il Silea comunque non concede nulla e respinge ogni nostro tentativo, senza nemmeno concedere falli facilmente piazzabili. “Zampa” si fa male e al suo posto entra Steven Piazza, ma le cose non cambiano molto, fino ad un piazzato per parte (Lauro e Piazza) nei minuti finali. Minuti finali che viviamo con una certa apprensione quando proprio i nostri due piazzatori di giornata, Reveane e Piazza, si scontrano duramente nel tentativo di recuperare un pallone vagante. Entrambi saranno costretti ad uscire, la peggio l’ha avuta il pilone che è rimasto a terra per un paio di minuti prima di uscire sulle proprie gambe. Ci sarebbe anche il tempo per un’ultima chanche in nostro favore, da una mischia al centro del campo, vanificata però da un banale errore di trasmissione dell’ovale.

Finisce quindi 16-22. Un buon punto guadagnato contro la capolista, ma che ha il sapore di un’occasione persa. Il che ci costringe ad interrogarci sul perchè riusciamo a giocare per lunghi tratti alla pari con le migliori, e poi finiamo per adeguarci alle avversarie che non sembrano allo stesso livello.

Ma il nostro di livello qual è? Quello che ci ha permesso di pareggiare a Belluno e di mettere in difficoltà il Silea, o quello della peggior partita della stagione a Castelfranco domenica scorsa? Forse domenica, al Lido, avremo una prima risposta, in una partita che, per citare il ds Matteo Sitran, <<sarà una sfida più mentale che tecnico-tattica, nella quale misureremo se quanto mostrato oggi in termini di attitudine e fiducia nei nostri mezzi sia completamente acquisito.>>

Per finire, non manca la soddisfazione per l’ennesimo esordio in prima squadra: Daniele Delle Donne, classe ’95 schierato all’ala, è stato autore di una prova ordinata <<dimostrando  - è il commento di Matteo Sitran - qualità e temperamento che lasciano ben sperare per il suo futuro di giocatore>>

Tabellino del match.

ALPAGO – SILEA 16-22

ALPAGO: Roffarè, Delle Donne, Zampieri (59’ Piazza, 78’ Sey), Tacerbi, Cerpelloni, Mognol, Peterle, Recchia, Rizzoli, Saviane David, De Col (41’ Perino), Saviane Omar, Toldo, Pierobon, Reveane (78’ De Col). ALL: Aceto.

SILEA: Severin, Ferro, Mazzon, Gigliodoro, Portelli (55’ Berto), Marangon, Lauro, Fava, Pagotto, Branni, Favaro (67’ Trionfo), Bello, Gaballo (41’ Pasin), Gobbo, Schiavinato. ALL: Gerardi.

ARBITRO: Giacomini Zaniol.

MARCATORI: 3’ meta Marangon tr Lauro (S), 13’ cp Reveane (A), 24’ meta Ferro nt (S), 27’ meta Marangon tr Lauro (S), 35’ meta Cerpelloni tr Reveane (A), 42’ cp Reveane (A), 74’ cp Lauro (S), 77’ cp Piazza (A).